Dal Verbum ai verba: la teofania della Parola in Agostino e Giovanni Scoto