Il saggio si occupa dell’ultimo dramma composto da Luigi Squarzina, La Ricercatrice, ancora inedito, ricostruendo la successione delle varie fasi redazionali nel corso di circa un ventennio (dalla prima idea dei primi anni Ottanta fino al biennio 2000/01) ed evidenziando le principali direzioni del lavoro drammaturgico di Squarzina. Nella Ricercatrice Squarzina sperimenta il potenziale artistico innescato dalla simultaneità, in scena, delle differenti dimensioni temporali di una vicenda, mediante l’uso simbolico dei codici teatrali del dialogo, del gesto e del movimento degli attori, della funzione significante dello spazio scenico. Dall’esame di una sintomatica campionatura di scene, emerge che la chiave stilistica scelta dall’autore sia quella del continuum temporale e spaziale al fine di evidenziare la contraddizione tra la dimensione unitaria del tempo interiore dei personaggi – che non vogliono separare l’esperienza del ricordo da quella della vita attuale – e la scansione mistificante del tempo del mondo, dell’ufficialità, della storia.

'LA RICERCATRICE' E GLI 'APPUNTI MALEDETTI' DI APHRA

INNAMORATI, Isabella
2013

Abstract

Il saggio si occupa dell’ultimo dramma composto da Luigi Squarzina, La Ricercatrice, ancora inedito, ricostruendo la successione delle varie fasi redazionali nel corso di circa un ventennio (dalla prima idea dei primi anni Ottanta fino al biennio 2000/01) ed evidenziando le principali direzioni del lavoro drammaturgico di Squarzina. Nella Ricercatrice Squarzina sperimenta il potenziale artistico innescato dalla simultaneità, in scena, delle differenti dimensioni temporali di una vicenda, mediante l’uso simbolico dei codici teatrali del dialogo, del gesto e del movimento degli attori, della funzione significante dello spazio scenico. Dall’esame di una sintomatica campionatura di scene, emerge che la chiave stilistica scelta dall’autore sia quella del continuum temporale e spaziale al fine di evidenziare la contraddizione tra la dimensione unitaria del tempo interiore dei personaggi – che non vogliono separare l’esperienza del ricordo da quella della vita attuale – e la scansione mistificante del tempo del mondo, dell’ufficialità, della storia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4555457
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact