If you can’t leave your mark give up. Su arte pubblica, street art e politiche della memoria