Su J.L.Nancy: un'ipotesi di teologia politica