Nel continente vuoto dell’allegoria