Il saggio ricostruisce l'intenso dibattito intorno al significato del concetto di "boria", che interessò l'intellettualità napoletana tra la fine del '600 e gli inizi del '700. Attraverso l'analisi delle differenti declinazioni che tale motivo assunse nell'accademia di Medinaceli e nelle celebri formulazioni vichiane, si mostrano, pur nell'ovvia consapevolezza della differente forza teoretica, elementi di continuità e di rottura tra le due posizioni, alla luce di una prospettiva non solo filosofica ma anche profondamente etica e politica.

Il motivo della vanagloria dei popoli e dei dotti. Un percorso del pensiero meridionale tra Seicento e Settecento

CANTILLO, Clementina
2015

Abstract

Il saggio ricostruisce l'intenso dibattito intorno al significato del concetto di "boria", che interessò l'intellettualità napoletana tra la fine del '600 e gli inizi del '700. Attraverso l'analisi delle differenti declinazioni che tale motivo assunse nell'accademia di Medinaceli e nelle celebri formulazioni vichiane, si mostrano, pur nell'ovvia consapevolezza della differente forza teoretica, elementi di continuità e di rottura tra le due posizioni, alla luce di una prospettiva non solo filosofica ma anche profondamente etica e politica.
9788890871290
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il motivo della vanagloria dei popoli.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Licenza
Licenza: Creative commons
Dimensione 867.52 kB
Formato Adobe PDF
867.52 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/4650498
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact