"Rendere sensibile l'astratto, corporeo l'immateriale". Dante tra Eliot e Montale