“Facebook: nel regno degli ossimori”