Esiste una "mentalità radiofonica"?