Il saggio tenta di problematizzare pedagogicamente, fuoriuscendo da un pensiero dicotomico, l'orizzonte della teorizzazione possibile sull'interculturalità. Attraverso la valorizzazione del panikkariano dialogo dialogale e l'auspicato avvento di un'etica dell'im-proprio, capace di armonizzare l'egoità e la tuità (Scheler), il saggio ricerca un possibile principio sussistente, con tonalità assiologiche, per l'educazione interculturale.

Etica dell’im-proprio: educare alla simpatia?

MARTINO, PAOLA
2015

Abstract

Il saggio tenta di problematizzare pedagogicamente, fuoriuscendo da un pensiero dicotomico, l'orizzonte della teorizzazione possibile sull'interculturalità. Attraverso la valorizzazione del panikkariano dialogo dialogale e l'auspicato avvento di un'etica dell'im-proprio, capace di armonizzare l'egoità e la tuità (Scheler), il saggio ricerca un possibile principio sussistente, con tonalità assiologiche, per l'educazione interculturale.
978-88-917-2823-4
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4655284
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact