«Un sogno fatto alla presenza della ragione». La presenza di Dante in Eliot e Montale