Dignità dell'uomo, dignità dell'imputato, dignità del condannato: l'esperienza europea e la parentesi italiana