Lo straniero in diritto ebraico