Il reimpiego funebre dei sarcofagi antichi a Salerno: tra emulazione e rappresentanza