Le dinamiche tra dimensione politica e fattore religioso costituiscono uno dei passaggi nevralgici all’interno dello spazio globale. La nuova forma giuridica della sovranità statale e l’intreccio a rete tra sfere multiple di governo della società civile richiedono l’allestimento di paradigmi innovativi necessari a declinare valori “spendibili” a livello universale. Le religioni, come organizzazioni di interessi e come catalizzatori di bisogni afferenti la sfera individuale, svolgono un ruolo centrale all’interno di questa arena (sovente conflittuale) manifestando condotte differenti – a seconda della diversa matrice culturale di riferimento – di fronte alle richieste dei poteri pubblici a ricomporre equilibri finalizzati alla convivenza civile. Si tratta perciò di verificare, quanti margini, sotto il profilo politico e giuridico – oltre che sociale ed economico – sono ancora possibili ricomporre per offrire a tutti gli attori coinvolti in questa esperienza l’occasione per lasciare un segno di speranza per le sorti dell’umanità. Questo volume raccoglie spunti di riflessione differenti, utili a “farsi un’idea” del modo come provare a costruire un discorso pubblico sensibile al mutare dei tempi, capace di includere senza stabilire premesse culturali escludenti, organizzato per categorie valoriali aperte.

Il ruolo delle organizzazioni religiose tra libertà delle formazioni sociali, tutela del bene comune e rappresentanza degli interessi particolari (lobbying). Brevi considerazioni sul persistere di alcune discrepanze lesive della democrazia costituzionale.

MACRI', Gianfranco
2017-01-01

Abstract

Le dinamiche tra dimensione politica e fattore religioso costituiscono uno dei passaggi nevralgici all’interno dello spazio globale. La nuova forma giuridica della sovranità statale e l’intreccio a rete tra sfere multiple di governo della società civile richiedono l’allestimento di paradigmi innovativi necessari a declinare valori “spendibili” a livello universale. Le religioni, come organizzazioni di interessi e come catalizzatori di bisogni afferenti la sfera individuale, svolgono un ruolo centrale all’interno di questa arena (sovente conflittuale) manifestando condotte differenti – a seconda della diversa matrice culturale di riferimento – di fronte alle richieste dei poteri pubblici a ricomporre equilibri finalizzati alla convivenza civile. Si tratta perciò di verificare, quanti margini, sotto il profilo politico e giuridico – oltre che sociale ed economico – sono ancora possibili ricomporre per offrire a tutti gli attori coinvolti in questa esperienza l’occasione per lasciare un segno di speranza per le sorti dell’umanità. Questo volume raccoglie spunti di riflessione differenti, utili a “farsi un’idea” del modo come provare a costruire un discorso pubblico sensibile al mutare dei tempi, capace di includere senza stabilire premesse culturali escludenti, organizzato per categorie valoriali aperte.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/4681130
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact