Domenico Barone di Liveri, corago, scenografo, commediografo e aristocratico nolano, appassionato di teatro, diventò celebre grazie alla sua attività presso la corte di Napoli, godendo della protezione del sovrano, Carlo di Borbone. Tra il 1735 e il 1757 egli allestì annualmente le sue commedie nella Sala Regia di Palazzo Reale, facendo costruire un originale impianto a scena fissa, tridimensionale e praticabile quasi per intero, per ogni nuova rappresentazione. Le aeree volumetrie delle scene liveriane erano in controtendenza rispetto alla scenografie dei melodrammi barocchi con mutazioni a vista sontuosamente realizzati al Teatro San Carlo; pure la tridimensionalità della scena fissa, la praticablità della scena a rilievo, consentivano al Liveri di ottenere sorprendenti effetti di simultaneità e di gioco d'insieme combinando e concertando il movimento e il ritmo della recitazione. Il saggio investiga sulle esperienze formative che hanno indotto Barone alla scelta della scena a rilievo e propone una visualizzazione delle scena della commedia liveriana 'La Contessa' (1735).

La scena a rilievo di Domenico Barone di Liveri

INNAMORATI, Isabella
2016

Abstract

Domenico Barone di Liveri, corago, scenografo, commediografo e aristocratico nolano, appassionato di teatro, diventò celebre grazie alla sua attività presso la corte di Napoli, godendo della protezione del sovrano, Carlo di Borbone. Tra il 1735 e il 1757 egli allestì annualmente le sue commedie nella Sala Regia di Palazzo Reale, facendo costruire un originale impianto a scena fissa, tridimensionale e praticabile quasi per intero, per ogni nuova rappresentazione. Le aeree volumetrie delle scene liveriane erano in controtendenza rispetto alla scenografie dei melodrammi barocchi con mutazioni a vista sontuosamente realizzati al Teatro San Carlo; pure la tridimensionalità della scena fissa, la praticablità della scena a rilievo, consentivano al Liveri di ottenere sorprendenti effetti di simultaneità e di gioco d'insieme combinando e concertando il movimento e il ritmo della recitazione. Il saggio investiga sulle esperienze formative che hanno indotto Barone alla scelta della scena a rilievo e propone una visualizzazione delle scena della commedia liveriana 'La Contessa' (1735).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4684461
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact