I segni di confine nella tradizione longobarda