In un perenne movimento tra i luoghi, le parole e le culture Yoko Tawada mette in scena nei suoi testi soggettività nomadi, che rendono indefiniti i confini, mescolando e ibridando i tratti delle culture che incontrano. Le esperienze di viaggio e di migrazione possono essere lette come straniamento ironico di scenari etnografici, sviluppando spazi di transizione e di trasformazione. La scrittura indaga così il potenziale estetico della differenza culturale e elabora forme di riflessione poetologica e geopoetica che superano le polarizzazioni tra est e ovest e interrogano la storia e la geografia attraverso la sperimentazione letteraria e linguistica.

"ein wort / ein ort". I luoghi di Yoko Tawada

PERRONE CAPANO, Lucia
2017

Abstract

In un perenne movimento tra i luoghi, le parole e le culture Yoko Tawada mette in scena nei suoi testi soggettività nomadi, che rendono indefiniti i confini, mescolando e ibridando i tratti delle culture che incontrano. Le esperienze di viaggio e di migrazione possono essere lette come straniamento ironico di scenari etnografici, sviluppando spazi di transizione e di trasformazione. La scrittura indaga così il potenziale estetico della differenza culturale e elabora forme di riflessione poetologica e geopoetica che superano le polarizzazioni tra est e ovest e interrogano la storia e la geografia attraverso la sperimentazione letteraria e linguistica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4686972
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact