Il testo analizza i molteplici ambiti, sia pubblici che privati, nei quali gli artisti del Seicento sono stati chiamati a dare forma visibile all'idea di magnificenza.

«Fuggitivi piacer, stabili affanni». Splendore privato e pubblica magnificenza

Adriano Amendola
2017-01-01

Abstract

Il testo analizza i molteplici ambiti, sia pubblici che privati, nei quali gli artisti del Seicento sono stati chiamati a dare forma visibile all'idea di magnificenza.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/4705296
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact