L’Appia tra Beneventum e ad Calorem: riflessioni e nuovi spunti di ricerca