Al giorno d’oggi, è preferibile parlare non più di turismo, ma di nuovi turismi legati alle multiformi tendenze della società globalizzata. Infatti, la crescente richiesta di prodotti e di servizi fruibili non soltanto da persone con disabilità fisiche o sensoriali ma anche da famiglie numerose con bambini e/o anziani, ha contribuito alla diffusione di una nuova forma di turismo definita accessibile - che favorendo attività fondate sui valori dell’accoglienza, della solidarietà, dell’integrazione, della partecipazione, del coinvolgimento - persegue dunque non solo finalità economiche, ma anche sociali e di promozione di tutto il patrimonio, materiale e immateriale, che un contesto territoriale può offrire. Questa nuova espressione turistica, caratterizzata da una domanda sempre più diversificata, richiede: 1) un’offerta flessibile ed attenta ai numerosi bisogni di un bacino di utenti in continuo aumento; 2) il positivo coinvolgimento di tutti gli attori locali, pubblici e privati per la promozione di un tessuto relazionale che concorra ad assicurare processi di sviluppo sostenibile e responsabile in grado di preservare le valenze paesaggistiche e culturali del territorio e di riconoscere “la centralità della comunità locale ospitante ed il suo diritto ad essere socialmente responsabile del proprio territorio, favorendo la positiva interazione tra industria del turismo, comunità locali e viaggiatori” (AITR, 2005). Pertanto, dopo aver brevemente esposto le motivazioni che sottendono la nascita di questa nuova forma di svago, il presente contributo si pone l’obiettivo di: illustrare le principali normative vigenti in materia; evidenziare le potenzialità e le opportunità offerte da questo segmento di mercato anche attraverso l’analisi di alcune best-practices promosse e realizzate in determinati ambiti geografici che hanno saputo conciliare il benessere della popolazione locale e dei visitatori con la conservazione delle qualità ambientali e, pertanto, in grado di incidere sui livelli di sviluppo del territorio o, quantomeno, di concorrere alla loro definizione.

Il Turismo Accessibile per uno sviluppo locale sostenibile e responsabile

Germana Citarella
2018

Abstract

Al giorno d’oggi, è preferibile parlare non più di turismo, ma di nuovi turismi legati alle multiformi tendenze della società globalizzata. Infatti, la crescente richiesta di prodotti e di servizi fruibili non soltanto da persone con disabilità fisiche o sensoriali ma anche da famiglie numerose con bambini e/o anziani, ha contribuito alla diffusione di una nuova forma di turismo definita accessibile - che favorendo attività fondate sui valori dell’accoglienza, della solidarietà, dell’integrazione, della partecipazione, del coinvolgimento - persegue dunque non solo finalità economiche, ma anche sociali e di promozione di tutto il patrimonio, materiale e immateriale, che un contesto territoriale può offrire. Questa nuova espressione turistica, caratterizzata da una domanda sempre più diversificata, richiede: 1) un’offerta flessibile ed attenta ai numerosi bisogni di un bacino di utenti in continuo aumento; 2) il positivo coinvolgimento di tutti gli attori locali, pubblici e privati per la promozione di un tessuto relazionale che concorra ad assicurare processi di sviluppo sostenibile e responsabile in grado di preservare le valenze paesaggistiche e culturali del territorio e di riconoscere “la centralità della comunità locale ospitante ed il suo diritto ad essere socialmente responsabile del proprio territorio, favorendo la positiva interazione tra industria del turismo, comunità locali e viaggiatori” (AITR, 2005). Pertanto, dopo aver brevemente esposto le motivazioni che sottendono la nascita di questa nuova forma di svago, il presente contributo si pone l’obiettivo di: illustrare le principali normative vigenti in materia; evidenziare le potenzialità e le opportunità offerte da questo segmento di mercato anche attraverso l’analisi di alcune best-practices promosse e realizzate in determinati ambiti geografici che hanno saputo conciliare il benessere della popolazione locale e dei visitatori con la conservazione delle qualità ambientali e, pertanto, in grado di incidere sui livelli di sviluppo del territorio o, quantomeno, di concorrere alla loro definizione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/4711557
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact