La lettura coordinata della disciplina risultante dalle previsioni codicistiche, tanto in materia di diffamazione (artt. 596 e 597 c.p.) quanto a proposito del giurì d’onore (art. 177 disp. att. c.p.p.), consente di evidenziare i punti focali della struttura procedimentale per quanto concerne i legittimati a promuovere l’iniziativa, i termini entro i quali la stessa è proponibile, gli effetti che ne scaturiscono e l’individuazione dei componenti il giurì. In tal modo si articola il procedimento di attivazione, il cui esaurimento consente di passare a quello finalizzato all’adozione della decisione sulla verità di un fatto determinato. A differenza di quanto previsto nell'impianto codicistico mediante il ricorso ai riti alternativi – volti a favorire modelli di accertamento diversi da quello previsto con il rito ordinario – in questo caso si registra un modello alternativo/sostitutivo di accertamento, da inquadrare nel più ampio contesto degli strumenti di giustizia riparativa. il lavoro mira a verificare un possibile, rinnovato ricorso al Giurì previsto dagli artt. 177-180 disp. att. c.p.p., che disciplinano le regole in materia di nomina dei componenti del giurì d’onore, loro poteri e tempi del procedimento.

Il giurì d'onore tra memoria storica e nuove soluzioni operative

KALB
2018-01-01

Abstract

La lettura coordinata della disciplina risultante dalle previsioni codicistiche, tanto in materia di diffamazione (artt. 596 e 597 c.p.) quanto a proposito del giurì d’onore (art. 177 disp. att. c.p.p.), consente di evidenziare i punti focali della struttura procedimentale per quanto concerne i legittimati a promuovere l’iniziativa, i termini entro i quali la stessa è proponibile, gli effetti che ne scaturiscono e l’individuazione dei componenti il giurì. In tal modo si articola il procedimento di attivazione, il cui esaurimento consente di passare a quello finalizzato all’adozione della decisione sulla verità di un fatto determinato. A differenza di quanto previsto nell'impianto codicistico mediante il ricorso ai riti alternativi – volti a favorire modelli di accertamento diversi da quello previsto con il rito ordinario – in questo caso si registra un modello alternativo/sostitutivo di accertamento, da inquadrare nel più ampio contesto degli strumenti di giustizia riparativa. il lavoro mira a verificare un possibile, rinnovato ricorso al Giurì previsto dagli artt. 177-180 disp. att. c.p.p., che disciplinano le regole in materia di nomina dei componenti del giurì d’onore, loro poteri e tempi del procedimento.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/4713624
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact