In riferimento alle recenti normative in materia ambientale, la fase della demolizione, all’interno del processo di sostituzione edilizia, assume un ruolo determinante, in termini di modalità di esecuzione e gestione. Il contributo affronta le problematiche connesse con la gestione del cantiere, in adempi-mento ai requisiti normativi in materia di demolizione selettiva e smaltimento dei materiali di risulta. Il caso studio è il progetto di sostituzione edilizia del quartiere “Le Minime”, in provincia di Salerno, degli anni ’40 del ‘900. Sono state indagate le possibili soluzioni organizzative e procedurali con particolare riferimento alle fasi di demolizione selettiva (nel rispetto dei Criteri Ambientali Minimi), scavo, movimentazione, riuso e/o smaltimento dei materiali di risulta, al fine di pervenire alla valutazione della scelta più opportuna. Regarding recent environmental regulations, the demolition phase, within the building replacement process, plays a decisive role, in terms of execution and management methods. The contribution deals with the problems connected with the management of the site, in compliance with the regulatory requirements regarding selective demolition and disposal of the resulting materials. The case study is the building replacement project of the "Le Minime" neighborhood, in the province of Salerno, in the 40s of the '900. Possible organizational and procedural solutions were investigated with particular reference to the selective demolition phases (in compliance with the Minimum Environmental Criteria), excavation, handling, re-use and / or disposal of waste materials, in order to arrive at the evaluation of the most appropriate choice.

LA GESTIONE DELLA DEMOLIZIONE SELETTIVA E SMALTIMENTO MATERIALI DI RISULTA, IN UN INTERVENTO DI SOSTITUZIONE EDILIZIA IN PROVINCIA DI SALERNO

Giacomo Di Ruocco;Roberta Melella
2019

Abstract

In riferimento alle recenti normative in materia ambientale, la fase della demolizione, all’interno del processo di sostituzione edilizia, assume un ruolo determinante, in termini di modalità di esecuzione e gestione. Il contributo affronta le problematiche connesse con la gestione del cantiere, in adempi-mento ai requisiti normativi in materia di demolizione selettiva e smaltimento dei materiali di risulta. Il caso studio è il progetto di sostituzione edilizia del quartiere “Le Minime”, in provincia di Salerno, degli anni ’40 del ‘900. Sono state indagate le possibili soluzioni organizzative e procedurali con particolare riferimento alle fasi di demolizione selettiva (nel rispetto dei Criteri Ambientali Minimi), scavo, movimentazione, riuso e/o smaltimento dei materiali di risulta, al fine di pervenire alla valutazione della scelta più opportuna. Regarding recent environmental regulations, the demolition phase, within the building replacement process, plays a decisive role, in terms of execution and management methods. The contribution deals with the problems connected with the management of the site, in compliance with the regulatory requirements regarding selective demolition and disposal of the resulting materials. The case study is the building replacement project of the "Le Minime" neighborhood, in the province of Salerno, in the 40s of the '900. Possible organizational and procedural solutions were investigated with particular reference to the selective demolition phases (in compliance with the Minimum Environmental Criteria), excavation, handling, re-use and / or disposal of waste materials, in order to arrive at the evaluation of the most appropriate choice.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4728580
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact