Il saggio propone una distinzione tra Stato e statualità e propone una lettura della storia istituzionale dell'Occidente medievale, moderno e contemporaneo sulla base di elementi non solo di storia giuridica ma anche di psicologia sociale. La nascita e lo sviluppo della statualità sono il frutto di una mentalità sociale e di una propensione alla cooperazione e alla fiducia che mancano completamente nella storia italiana. Con conseguenze molto visibili non solo sulla sgangherata incapacità organizzativa del Paese ma anche (e questa è la beffa che si aggiunge al danno) nella sua cultura e nella sua storiografia.

Ceto dei giuristi e statualità dei cittadini. Il diritto tra istituzioni e psicologia delle rappresentazioni sociali

Di Donato Francesco
2012

Abstract

Il saggio propone una distinzione tra Stato e statualità e propone una lettura della storia istituzionale dell'Occidente medievale, moderno e contemporaneo sulla base di elementi non solo di storia giuridica ma anche di psicologia sociale. La nascita e lo sviluppo della statualità sono il frutto di una mentalità sociale e di una propensione alla cooperazione e alla fiducia che mancano completamente nella storia italiana. Con conseguenze molto visibili non solo sulla sgangherata incapacità organizzativa del Paese ma anche (e questa è la beffa che si aggiunge al danno) nella sua cultura e nella sua storiografia.
978-88-6464-186-7
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4741635
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact