Mario Alberto Pavone e Salerno: uno studioso, una città