Il prodotto esamina i contributi giurisprudenziali e dottrinari sull’obbligo di fedeltà estensivamente interpretato per il collegamento con i principi di correttezza e buona fede e ritenuto idoneo a ricomprendere non solo non concorrenza e riservatezza ma ogni comportamento idoneo a creare situazione di conflitto con finalità ed interessi aziendali. L’analisi è condotta su particolari questioni applicative soffermandosi sui profili di esclusione della imputabilità al lavoratore subordinato ed alla sua responsabilità

Commento all'art. 2105 c.c. - Obbligo di fedeltà

Lorenzo Ioele
2019

Abstract

Il prodotto esamina i contributi giurisprudenziali e dottrinari sull’obbligo di fedeltà estensivamente interpretato per il collegamento con i principi di correttezza e buona fede e ritenuto idoneo a ricomprendere non solo non concorrenza e riservatezza ma ogni comportamento idoneo a creare situazione di conflitto con finalità ed interessi aziendali. L’analisi è condotta su particolari questioni applicative soffermandosi sui profili di esclusione della imputabilità al lavoratore subordinato ed alla sua responsabilità
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4754308
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact