Sull’irrisolta tensione tra l’inviolabilità della libertà e l’interesse della salute