HUMANITY. TRA PARADIGMI PERDUTI E NUOVE TRAIETTORE