La normazione sull’emergenza da covid-19 sconta l’assenza di una norma costituzionale che disciplini lo stato di emergenza ed individui i limiti alla possibilità di incidere sulle libertà costituzionali; in secondo luogo ha stabilito che i d.p.c.m., che non rientrano neppure tra le fonti secondarie, possano incidere su principi e diritti costituzionalmente riconosciuti in violazione del principio di legalità, con una “autorizzazione”, data con decreto legge, che non sembra idonea a fondare il potere derogatorio.

Notazioni sulle fonti utilizzate per l’emergenza epidemiologica da Covid-19 in Italia

Andrea Di Lieto
2020-01-01

Abstract

La normazione sull’emergenza da covid-19 sconta l’assenza di una norma costituzionale che disciplini lo stato di emergenza ed individui i limiti alla possibilità di incidere sulle libertà costituzionali; in secondo luogo ha stabilito che i d.p.c.m., che non rientrano neppure tra le fonti secondarie, possano incidere su principi e diritti costituzionalmente riconosciuti in violazione del principio di legalità, con una “autorizzazione”, data con decreto legge, che non sembra idonea a fondare il potere derogatorio.
2020
9788893919722
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/4764363
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact