“Come un giardino”. Abitare nello spazio del segno