L'intervento si propone di mostrare come l'iconografia antica abbia utilizzato un linguaggio specifico per indicare lo statuto del sonno e della morte e come tra questi elementi ci sia una stretta connessione che riguarda anche l'approccio filosofico. In particolare l'analisi si è focalizzata sul mito di Reso, ucciso durante il sonno da Ulisse e Diomede, e rappresentato su vasi apuli della seconda metà del IV secolo a. C., per mostrare le strategie della rappresentazione del passaggio dal sonno alla morte.

Dal sonno alla morte: le immagini della ceramografia antica dal VI al IV secolo a.C:

Mugione Eliana
Writing – Original Draft Preparation
2021

Abstract

L'intervento si propone di mostrare come l'iconografia antica abbia utilizzato un linguaggio specifico per indicare lo statuto del sonno e della morte e come tra questi elementi ci sia una stretta connessione che riguarda anche l'approccio filosofico. In particolare l'analisi si è focalizzata sul mito di Reso, ucciso durante il sonno da Ulisse e Diomede, e rappresentato su vasi apuli della seconda metà del IV secolo a. C., per mostrare le strategie della rappresentazione del passaggio dal sonno alla morte.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4764745
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact