È notorio come il meccanismo del whistleblowing (letteralmente “soffi are nel fischietto”), ideato ed applicato negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna abbia oggi trovato una diffusa applicazione negli altri ordinamenti nazionali grazie anche all’inserimento in norme convenzionali e nel quadro delle organizzazioni internazionali. I casi di corruzione o altre tipologie di illeciti sul posto di lavoro riempiono sempre più frequentemente i titoli dei quotidiani, ancor più oggi per effetto della persistente crisi finanziaria e della crisi pandemica, che hanno accresciuto quella sensazione di privazione dei diritti civili, che spinge le persone a denunciare la corruzione, la frode e l’ingiustizia. Obiettivo del presente lavoro sarà verificare la “tenuta” e i necessari “adeguamenti” dell’attuale legge italiana n. 179/201714 rispetto alle disposizioni della Direttiva, da trasporsi negli ordinamenti degli Stati membri entro il 17 dicembre 2021, salvo una deroga per il settore privato, che, tra l’altro, pone maggiori perplessità in sede attuativa. La tutela del whistleblower nell’ordinamento italiano, che distingue tra settore pubblico e settore privato, risente, infatti, di una diversità di approcci che non trovano riscontro nella Direttiva. Tanto richiede un’opera di ripensamento della legislazione italiana in materia, pena l’inefficacia dello strumento nella lotta alla corruzione, anche a fronte della sua natura “multiforme” e ad applicazione multilivello.

Il whistleblowing come strumento "multilivello" della lotta alla corruzione

TERESA RUSSO
2021

Abstract

È notorio come il meccanismo del whistleblowing (letteralmente “soffi are nel fischietto”), ideato ed applicato negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna abbia oggi trovato una diffusa applicazione negli altri ordinamenti nazionali grazie anche all’inserimento in norme convenzionali e nel quadro delle organizzazioni internazionali. I casi di corruzione o altre tipologie di illeciti sul posto di lavoro riempiono sempre più frequentemente i titoli dei quotidiani, ancor più oggi per effetto della persistente crisi finanziaria e della crisi pandemica, che hanno accresciuto quella sensazione di privazione dei diritti civili, che spinge le persone a denunciare la corruzione, la frode e l’ingiustizia. Obiettivo del presente lavoro sarà verificare la “tenuta” e i necessari “adeguamenti” dell’attuale legge italiana n. 179/201714 rispetto alle disposizioni della Direttiva, da trasporsi negli ordinamenti degli Stati membri entro il 17 dicembre 2021, salvo una deroga per il settore privato, che, tra l’altro, pone maggiori perplessità in sede attuativa. La tutela del whistleblower nell’ordinamento italiano, che distingue tra settore pubblico e settore privato, risente, infatti, di una diversità di approcci che non trovano riscontro nella Direttiva. Tanto richiede un’opera di ripensamento della legislazione italiana in materia, pena l’inefficacia dello strumento nella lotta alla corruzione, anche a fronte della sua natura “multiforme” e ad applicazione multilivello.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4777862
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact