Una riflessione sull’“Equità di genere” che abbia la finalità di promuovere il dibattito su “nuovi assetti organizzativi e culturali nell’università, nella ricerca e nell’informazione” è una iniziativa di grande rilevanza nell’ambito dell’impegno delle istituzioni universitarie per l’Agenda 2030. Il focus sul Goal 5 è, poi, quanto mai significativo in un contesto multiculturale come l’Università, dove si affinano i valori guida di futuri decisori e attori dello sviluppo. L’equità di genere era uno degli 8 obiettivi del programma dei Millennium Development Goals delle Nazioni Unite conclusosi nel 2015 (Goal 3: Promote gender equality and empower women) . Ciò significa che era tra gli obiettivi ritenuti prioritari per affrontare le sfide più urgenti del pianeta. Come si sottolineerà più avanti, il passaggio dagli 8 MDGs ai 17 SDGs (Sustainable Development Goals) della successiva Agenda 2030 – approvati nel 2015 al Summit delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile – segna un’importante evoluzione nell’approccio delle Nazioni Unite, che colloca gli 8 MDGs, rappresentativi dei problemi più urgenti del pianeta, in un più ampio quadro di azione per lo sviluppo sostenibile. È in tale prospettiva, che guarda al tema dell’equità di genere come componente del più ampio quadro di azione per lo sviluppo sostenibile, così come impostato nell’Agenda 2030, che è affrontata la riflessione nel presente contributo.

L’articolato ruolo delle Università nella promozione dello sviluppo sostenibile: verso un approccio ‘T-Shaped’

Saviano Marialuisa
2022

Abstract

Una riflessione sull’“Equità di genere” che abbia la finalità di promuovere il dibattito su “nuovi assetti organizzativi e culturali nell’università, nella ricerca e nell’informazione” è una iniziativa di grande rilevanza nell’ambito dell’impegno delle istituzioni universitarie per l’Agenda 2030. Il focus sul Goal 5 è, poi, quanto mai significativo in un contesto multiculturale come l’Università, dove si affinano i valori guida di futuri decisori e attori dello sviluppo. L’equità di genere era uno degli 8 obiettivi del programma dei Millennium Development Goals delle Nazioni Unite conclusosi nel 2015 (Goal 3: Promote gender equality and empower women) . Ciò significa che era tra gli obiettivi ritenuti prioritari per affrontare le sfide più urgenti del pianeta. Come si sottolineerà più avanti, il passaggio dagli 8 MDGs ai 17 SDGs (Sustainable Development Goals) della successiva Agenda 2030 – approvati nel 2015 al Summit delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile – segna un’importante evoluzione nell’approccio delle Nazioni Unite, che colloca gli 8 MDGs, rappresentativi dei problemi più urgenti del pianeta, in un più ampio quadro di azione per lo sviluppo sostenibile. È in tale prospettiva, che guarda al tema dell’equità di genere come componente del più ampio quadro di azione per lo sviluppo sostenibile, così come impostato nell’Agenda 2030, che è affrontata la riflessione nel presente contributo.
9788855267953
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/4799870
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact