Nella presente relazione si illustrano i risultati di una ricerca volta a stimare – su basi quantitative e a gran-de scala – il rischio/le conseguenze per danni diretti indotti da frane a cinematica lenta a reti stradali extra-urbane. L’applicabilità delle procedure originali a tal fine concepite, rigorosamente inquadrate nella teoria del rischio, è testata con riferimento ad un caso di studio della Regione Campania per il quale si dispone dell’inventario dei fenomeni franosi, del grafo della rete stradale (distinta in primaria e secondaria), di dati di monitoraggio da remoto e di informazioni sulla evoluzione nel tempo del livello di severità del danno. I risultati ottenuti sono espressi in termini di costi di riparazione, su assegnati periodi, della rete stradale primaria nell’ipotesi che quest’ultima si trovi in una condizione iniziale di assenza di danno (Analisi Quantitativa del Rischio, QRA) o sia già danneggiata (Analisi Quantitativa delle Conseguenze, QCA). Il metodo pro-babilistico Monte Carlo è in seguito applicato sia alla rete primaria sia alla secondaria (per quest’ultima non si dispone di dati di danno) al fine di individuare i tratti stradali che prioritariamente necessitano di inter-venti di mitigazione del rischio (di interesse per le autorità preposte) o per i quali il livello di severità del danno più probabile è tale da determinare i maggiori aumenti del tempo di percorrenza (di interesse per gli utenti). Infine, si discutono i principali risultati ottenuti evidenziando gli aspetti originali e innovativi del lavoro svolto, le ricadute che ne possono derivare a livello decisionale (scelta di assegnate tipologie d’intervento e loro programmazione, tenendo conto del rischio residuo), i possibili sviluppi futuri (tra cui le applicazioni a scala di dettaglio per il corretto dimensionamento degli interventi nei tratti stradali riconosciuti prioritari ai fini della mitigazione).

Analisi del rischio da frane a cinematica lenta per le reti stradali

S. Ferlisi;A. Marchese;G. Nicodemo;D. Peduto
2021

Abstract

Nella presente relazione si illustrano i risultati di una ricerca volta a stimare – su basi quantitative e a gran-de scala – il rischio/le conseguenze per danni diretti indotti da frane a cinematica lenta a reti stradali extra-urbane. L’applicabilità delle procedure originali a tal fine concepite, rigorosamente inquadrate nella teoria del rischio, è testata con riferimento ad un caso di studio della Regione Campania per il quale si dispone dell’inventario dei fenomeni franosi, del grafo della rete stradale (distinta in primaria e secondaria), di dati di monitoraggio da remoto e di informazioni sulla evoluzione nel tempo del livello di severità del danno. I risultati ottenuti sono espressi in termini di costi di riparazione, su assegnati periodi, della rete stradale primaria nell’ipotesi che quest’ultima si trovi in una condizione iniziale di assenza di danno (Analisi Quantitativa del Rischio, QRA) o sia già danneggiata (Analisi Quantitativa delle Conseguenze, QCA). Il metodo pro-babilistico Monte Carlo è in seguito applicato sia alla rete primaria sia alla secondaria (per quest’ultima non si dispone di dati di danno) al fine di individuare i tratti stradali che prioritariamente necessitano di inter-venti di mitigazione del rischio (di interesse per le autorità preposte) o per i quali il livello di severità del danno più probabile è tale da determinare i maggiori aumenti del tempo di percorrenza (di interesse per gli utenti). Infine, si discutono i principali risultati ottenuti evidenziando gli aspetti originali e innovativi del lavoro svolto, le ricadute che ne possono derivare a livello decisionale (scelta di assegnate tipologie d’intervento e loro programmazione, tenendo conto del rischio residuo), i possibili sviluppi futuri (tra cui le applicazioni a scala di dettaglio per il corretto dimensionamento degli interventi nei tratti stradali riconosciuti prioritari ai fini della mitigazione).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/4800811
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact