L’emergenza pandemica globale ha evidenziato come gli scenari urbani, ma soprattutto i tempi e gli orari che re-golano e scandiscono la vita delle persone, siano stati investiti da innumerevoli e necessari cambiamenti. Questa crisi è occasione per l’urbanistica per ripensare il funzionamento della città, dei suoi spazi, dei suoi tempi e delle sue forme di interazione sociale ed economica. I piani dei tempi e degli orari delle città, strumenti elaborati in Italia a partire dagli anni ‘90 nell’ambito delle politi-che temporali urbane, hanno come obiettivo principale quello di integrare e armonizzare i tempi di lavoro e non lavoro, migliorare l’accessibilità ai servizi urbani, riqualificare e animare le aree urbane degradate, rivitalizzare i centri storici, migliorare la qualità e la sicurezza della mobilità lenta e del trasporto pubblico locale. Considerate le esigenze di distanziamento fisico delle persone, si propone un modello di distanziamento tempora-le mediante lo sfalsamento degli orari di accesso al lavoro e ai servizi, le cui conseguenze sono principalmente la necessità di una conciliazione dei tempi di vita e di lavoro delle famiglie con la vita complessiva della città.

L’urbanistica per le emergenze. Il distanziamento fisico mediante il distanziamento temporale

Isidoro Fasolino;Michele Grimaldi;Francesca Coppola;Valentina Adinolfi
2022-01-01

Abstract

L’emergenza pandemica globale ha evidenziato come gli scenari urbani, ma soprattutto i tempi e gli orari che re-golano e scandiscono la vita delle persone, siano stati investiti da innumerevoli e necessari cambiamenti. Questa crisi è occasione per l’urbanistica per ripensare il funzionamento della città, dei suoi spazi, dei suoi tempi e delle sue forme di interazione sociale ed economica. I piani dei tempi e degli orari delle città, strumenti elaborati in Italia a partire dagli anni ‘90 nell’ambito delle politi-che temporali urbane, hanno come obiettivo principale quello di integrare e armonizzare i tempi di lavoro e non lavoro, migliorare l’accessibilità ai servizi urbani, riqualificare e animare le aree urbane degradate, rivitalizzare i centri storici, migliorare la qualità e la sicurezza della mobilità lenta e del trasporto pubblico locale. Considerate le esigenze di distanziamento fisico delle persone, si propone un modello di distanziamento tempora-le mediante lo sfalsamento degli orari di accesso al lavoro e ai servizi, le cui conseguenze sono principalmente la necessità di una conciliazione dei tempi di vita e di lavoro delle famiglie con la vita complessiva della città.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/4813375
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact