Brevi considerazioni sulla vicenda della Radio Vaticana in seguito alla recente sentenza della prima sezione penale della Suprema Corte di Cassazione del 9 aprile 2003