Letteratura ed esperienze estreme. A proposito di Max Aub e Jorge Semprún