Il “fragile equilibrio della presenza”. “Florentin” di Dorothea Schlegel