La negazione dell'assoluto in Emo e Schelling