Prendendo spunto dalla strategia onomastica degli autori di tragedie (Gravina, Pansuti, Conti) e di poemi epici del primo Settecento, in particolare dalle Tragedie cristiane (1729) di Annibale Marchese e dal suo capolavoro, L’Ermenegildo, l’autrice indaga le contraddizioni di uno dei periodi più complessi della cultura italiana tra Barocco e Razionalismo, interpretate dalla produzione letteraria in chiave allegorica e proiettate sullo sfondo storico del progressivo declino del dominio di Roma, nel momento cruciale in cui avviene lo scontro decisivo per la guida della civiltà occidentale tra mondo latino e nazioni germaniche, romanità e cristianità.

Antroponimi nell'epica e nella tragedia del primo Settecento napoletano

GIULIO, Rosa
2004

Abstract

Prendendo spunto dalla strategia onomastica degli autori di tragedie (Gravina, Pansuti, Conti) e di poemi epici del primo Settecento, in particolare dalle Tragedie cristiane (1729) di Annibale Marchese e dal suo capolavoro, L’Ermenegildo, l’autrice indaga le contraddizioni di uno dei periodi più complessi della cultura italiana tra Barocco e Razionalismo, interpretate dalla produzione letteraria in chiave allegorica e proiettate sullo sfondo storico del progressivo declino del dominio di Roma, nel momento cruciale in cui avviene lo scontro decisivo per la guida della civiltà occidentale tra mondo latino e nazioni germaniche, romanità e cristianità.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/1060396
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact