Poter-essere-se-stessi e essere soggetti morali. Habermas tra Kierkegaard e Kant