Obbligo di verità e margini di resistenza. Su un seminario di Michel Foucault a Lovanio