Consensus facit filium: la risposta della giurisprudenza di merito