Corte Costituzionale e offese alla "religione dello Stato" mediante vilipendio di persone nella recente sentenza n.168/2005.