La rilevanza del «sapere» della vittima del reato ai fini del giudizio sulla fondatezza dell’accusa penale e della connessa pretesa risarcitoria