Adamo di Wodeham e Gregorio da Rimini a confronto sulla prescienza divina e sui futuri contingenti