La matematizzazione della fisica: Galileo e Heisenberg epigoni di Platone?