Francesco Gaeta attraverso il suo epistolario. Ritratto di uno scrittore “borghese e malinconico”