Roberto Bracco e la musa emergente del cinematografo