Riforme possibili e alleanze anomale: sul contributo dell'approccio dinamicista alla scienza cognitiva